BIOGRAFIA IL DIARIO LE LETTERE GLI ARTICOLI IL TERRITORIO

BIBLIOTECA

I LIBRI

LA STORIA

ARTE/CULTURA

HOMEPAGE

  Libro degli ospiti - Don Liborio Romano

Lascia un messaggio | Pannello di controllo

Ci sono 225 Messaggi

Giovanni Spano

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : lunedý, 26 ottobre 2009 15:44:53
Messaggio : Signor Mastroleo, in risposta alle sue, le faccio presente che conosco sia i siti che i libri che lei mi ha citato.
Il resto mi fa capire che siamo su opinioni completamente diverse, ma che comunque non dovrebbero impedire di dialogare e lavorare per un sud migliore.
Questa diversitÓ di vedute dovrebbero unirci per far crescere questo sud che si perde nei suoi litigi e nelle sue divisioni.
Quanto Ŕ successo 150 anni fa, anche se ancora ne stiamo pagando le conseguenze, fa parte del passato, che in ogni caso non possiamo cambiare; per˛ possiamo fare chiarezza sulle veritÓ storiche che per tanto tempo ci hanno tenute nascoste.
Questo Ŕ il mio invito ed augurio.
La polemica rimane fine a se stessa.
Cordiali saluti - Giovanni Spano
Mastroleo Rosario

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : domenica, 25 ottobre 2009 18:13:45
Messaggio : L'ALTO TRADIMENTO SVELATO

Ecco come il Cavour segnala la cosa al Nigra: "Mr. Nisco Útant allÚ faire une course Ó Naples, s'est trouvÚ en relation directe avec Liborio Romano, son ancien ami, et le GÚnÚral Nunziante. L'un et l'autre l'ont chargÚ de messages pour le Roi et pour moi; le premier s'est contentÚ de communications verbales, le second n'a pas reculÚ davant l'invitation d'Úcrire une lettre qui le ferait fusiller si elle Útait publiÚe... Liborio, Nunziante, et Persano combineront ce qu'il y a Ó faire pour qu'un mouvement ait lieu, auquel participeraient le peuple, l'armÚe et la marine" (Il sig. Nisco, andato a fare una corsa a Napoli, s'Ŕ trovato in relazione diretta con Liborio Romano, suo vecchio amico, e il Generale Nunziante. L'uno e l'altro l'hanno incaricato di messaggi per il Re e per me; il primo s'Ŕ contentato di comunicazioni verbali, il secondo non ha indietreggiato davanti all'invito di scrivere una lettera che lo farebbe fucilare se venisse pubblicata ... Liborio, Nunziante e Persano organizzeranno ci˛ che Ŕ da fare perchÚ abbia luogo un sommovimento, a cui parteciperebbero il popolo, l'armata e la marina) (lett. 1022 del 1░ agosto, Carteggio Cavour - Nigra). Si intuisce chiaramente dunque il fine del Romano, il motivo del messaggio al primo ministro piemontese, a che cosa era disposto. Ed ecco la lettera di risposta a don Liborio; essa, per ovvii motivi di segretezza, Ŕ pi˙ sfumata: "Preg. Signore, Mi valgo del ritorno a Napoli del Barone Nisco per ringraziarla del gentile messaggio che per mezzo suo mi mandava. Fu per me di gran consolazione e conforto il veder confermato per prova diretta l'alto concetto che io mi era formato del suo illuminato e forte patriottismo e della sua devozione alla causa per cui combatto da tanti anni ed ella sofferse molto. Nel posto eminente ch'Ella occupa, colla influenza immensa ch'Ella esercita sui suoi concittadini, la S.V. pu˛ fare del gran bene all'Italia ed Ella lo farÓ. Ond'io nutro fiducia di potere fra breve salutarla come uno di quei grandi Italiani, mercÚ la cui opera la pace di Villafranca, reputata sulle prime fatale alle nostre sorti, segna invece il pi˙ splendido periodo del Rinascimento italiano. Ho l'onore ecc. ecc.. (lettera 1019, ibidem). Merita di essere riportato al riguardo quanto ne dice il Ghezzi, giacobino unitarista sfegatato, laudatore sperticato delle gesta di don Liborio (libro citato, pag 123) quindi una fonte non sospetta: "Lettera di stile raffinatissimo: apparentemente non si chiede nulla al ministro di Francesco II. A chi non sappia i precedenti pu˛ anche sembrare che si tratti di un normale scambio di cortesie tra due eminenti personalitÓ politiche: invece vi Ŕ qualcosa di pi˙ grave. Lusingandone l'amor proprio, ricordandogli le passate sofferenze e quindi le passate colpe della dinastia che ora serviva, propone a Liborio niente altro che il tradimento...". Ma Cavour sfondava una porta aperta. L'uomo, il ministro del governo costituzionale, era giÓ ai suoi piedi. Aveva dunque ragione Ferdinando II a farlo imprigionare nel 1848 dopo il sanguinoso 15 maggio.
Mastroleo Rosario

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : domenica, 25 ottobre 2009 18:10:58
Messaggio : "I Savoia e il massacro del Sud" di Antonio Ciano - Edizione Grandmel˛ Roma, 1996"

"La mia vita tra i briganti (JosŔ Borges)" a cura di Tommaso Pedio - Edizioni Piero Lacaita Editore

http://www.vincenzolabanca.it/

http://www.ilportaledelsud.org/mr33.htm

http://cronologia.leonardo.it/storia/a1860g.htm

http://www.brigantaggio.net/brigantaggio/Personaggi/Romano.htm

http://www.duesicilie.org

http://cronologia.leonardo.it/storia/a1862f.htm
Giovanni Spano

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : domenica, 25 ottobre 2009 08:10:25
E-mail : info@donliborioromano.it
Messaggio : Signor Mastroleo, la ringrazio per le precisazioni, ma non concordo con queste.
Liborio Romano, quando Garibaldi Ŕ entrato a Napoli, era giÓ Ministro dell'Interno e Prefetto di polizia, eletto da Francesco II░, ha mantenuto la sua carica per qualche giorno anche con gli invasori, ma resosi conto di quanto stava accadendo, ha preso le distanza, rassegnando le dimissioni. A me non risulta che Cavour lo avrebbe nominato ministro della guerra (Cavour non conosceva il Romano, se non per sentito dire). Non sono stati i sabaudi a dargli il ben servito, ma fu lui a dimettersi dalle cariche che rivestiva. Ma se leggesse gli atti parlamentari, si renderebbe conto che nel Parlamento di Torino, forse, fu l'unico a prendere le difese del sud e dei popoli del sud, mentre altri si allinearono; era pi¨ facile allinearsi e godere dei benefici, che lottare.
Io non so se lei ha letto il "Memorandum" sulle condizioni dei popoli meridionali, che Liborio Romano , manda al Cavour, non mi sembra che elogi o approvi i comportamenti sabaudi , ma al contrario li critica e li disapprova.
Io non voglio entrare in polemica con lei, ma gradirei, che quando parla del Romano in modo cosý negativo, quanto meno citi le fonti delle sue affermazioni.
Se Liborio Romano debba essere ricordato e rivalutato, lasci che altri esprimano valutazioni, anche se diverse dalle sue.
Non penso che le interessi, ma le comunico che proprio in questi giorni Ŕ uscito un nuovo volume su Liborio Romano. Come vede, non tutti la pensano come lei.
La saluto cordialmente - Giovanni Spano
Mastroleo Rosario

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : sabato, 24 ottobre 2009 18:19:00
Messaggio : Mi scuso il ritardo con cui le sto rispondendo ... Da documenti trovati e libri letti ... mi risulta che Liborio Romano per il suo tradimento fu ricompensato da Cavour con la carica di Ministro della Guerra e quindi da quella posizione Liborio Romano si Ŕ reso complice di tutti gli eccidi perpetrati ai danni della popolazione meridionale. Mantenne la carica per poco tempo, come lei afferma, solo perchŔ Cavour, di cui era pupillo, morý di sifilide subito dopo l'UnitÓ d'Italia e quindi i sabaudi gli diedero il ben servito ... Se come lei dice e afferma fu un componente dell'estrema sinistra nel governo ... anche da quella posizione era a conoscenza di tutti gli eccidi, sempre ai danni del popolo meridionale, e quindi da uomo vero avrebbe dovuto rassegnare le dimissioni e guidare o almeno incoraggiare la rivolta delle popolazioni meridionali ... Liborio Romano non Ŕ una persona degna di essere ricordata dal popolo meridionale e tantomeno di essere rivalutato ...
Perreca Antonella

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : martedý, 20 ottobre 2009 08:57:21
E-mail : restex08@gmail.com>
Messaggio : Ho inserito sul sito , il messaggio che lei mi ha mandato in forma privata, per il semplice motivo, che qualche amico potrebbe avere notizie che le farebbero comodo, io intanto ho preso nota della sua richiesta.


Salve,
Lei ha ragione, mi sono resa conto che trattasi di un caso di omonimia.
Grazie per la sua risposta.
Io cerco informazioni su una delle guide a cavallo della Brigata Peuceta
capeggiata dal Colonnello Liborio Romano,Saverio Giangrande di Monopoli.
Se dovesse avere informazioi su quest'ultimo
o se mi volesse dare qualche consiglio per continuare la mia ricerca le sarei grata,
dato che archivi di stato e uffici anagrafe non hanno trovato nulla su questo milite.
Cordiali saluti
Antonella Porreca
giovanni spano

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : sabato, 17 ottobre 2009 09:03:20
LocalitÓ : patu'
E-mail : info@donliborioromano.it
Sito Web : http://www.donliborioromano.it
Messaggio : restex08@gmail.com
Gentile signore,rispondo alla sua richiesta, quello che lei dice, Ŕ vero, Ŕ esistito un sergente Romano, vostro paesano, un colonnello Romano, che ho trovato pi¨ volte nei miei studi di ricerca ma Ŕ altra persona rispetto al don Liborio Romano di Pat¨, questi era Ministro dell'Interno e prefetto di polizia a Napoli nel 1860.
Per qualsiasi altra richiesta, a disposizione.
Cordiali saluti - Giovanni Spano
Pagina 16 di 33

Pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33

 
 
Homepage
Libro degli ospiti | Contattaci | Template       
Area riservata