BIOGRAFIA IL DIARIO LE LETTERE GLI ARTICOLI IL TERRITORIO

BIBLIOTECA

I LIBRI

LA STORIA

ARTE/CULTURA

HOMEPAGE

  Libro degli ospiti - Don Liborio Romano

Lascia un messaggio | Pannello di controllo

Ci sono 236 Messaggi

Rosario Mastroleo

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : venerdì, 19 giugno 2009 16:13:01
Messaggio : Dal Diario di Borjes ... "La mia vita tra i briganti" a cura di Tommaso Pedio

Ultimi scritti di Borjes sul suo diario

27 Novembre 1961 ...
(Borjes dopo aver litigato con Crocco e il generale Langlois, capisce che non può continuare la lotta perchè ognuno ha vedute diverse, nonostante le vittorie riportate, decide di lasciare tutto e andare a Roma da Francesco per richiedere nuove truppe)
"Mezzogiorno. Facciamo alto nel centro del bosco senza aver pane: la banda si scioglie.
Mezzogiorno e mezzo. Ci prepariamo a marciare, ma non so dove; se la direzione che prenderanno non mi andrà a genio, prenderò la via di Roma. Tre ore della sera. Scena disgustosa. Crocco riunisce i suo antichi capi di ladri e dà loro i suoi antichi accoliti. Gli altri soldati sono disarmati violentemente; prendoro loro in specie i fucili rigati e quelli a percussione. Chiedono di servire per un pò di pane: non più soldo, dicono essi: ma questi assassini sono inesorabili. Si danno in braccio a capitani della loro tempra, e li congedano dopo un digiuno di due giorni. Tutto ciò era sconcertato, ma lo si nascondeva con astuzia. Alcuni soldati venivano da me piangendo, mi prendervano le mani e me le baciavano dicendo: "Tornate con una piccola forza, e ci troverete pronti a seguirvi". Per conto mio pregai Crocco di salvar questa gente, e piangendo con i soldati, per quanto era in mio potere, cercai di consolarli"

29 Novembre
" Abbiamo marciato tutta la notte"

30 Novembre
"Abbiamo marciato assai, e vinti dalla fatica facciamo alto"

Il 9 Dicembre 1961 a Tagliacozzo Borjes tradito dalla sua guida viene catturato
Rosario Mastroleo

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : venerdì, 19 giugno 2009 15:47:07
Messaggio : Josè Borges
"LA FINE DI UN EROE"
di Valentino Roman

il generale La Marmora consentirà
poi che la salma del generale spagnolo venga riesumata dal dott. Bernard,
medico dell’ambasciata francese presso lo stato pontificio, e trasferita a Roma
dove – nel febbraio del 1862, nella Chiesa del Gesù - vengono celebrate solenni
esequie.
Rosario Mastroleo

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : venerdì, 19 giugno 2009 15:43:02
Messaggio : Josè Borges
"LA FINE DI UN EROE"
di Valentino Romano

Borges, circondato, è costretto ad arrendersi, non
prima però di aver ottenuto la promessa della salvezza della sua vita e di quella
dei suoi. Idealista fino alla fine, si congratula dell’altrui valore dicendo rassegnato
al nemico piemontese: >. Da vero ufficiale - porge la sua spada al vincitore (generale Franchini), ma questi la rifiuta,
considerandolo solo un brigante.
I prigionieri sono portati a Tagliacozzo e - sul
far della sera dell’otto - frettolosamente fucilati, dopo essersi rifiutati di fornire
notizie e fare i nomi di chi li aveva aiutati. Prima dell’esecuzione della sentenza
uno dei condannati (Pedro Martínez) chiede un foglio e scrive, a nome di tutti:
>. Ricevono tutti la
confessione, si abbracciano, s’inginocchiano ed una scarica di moschetto alle
spalle interrompe l’ultima litania spagnola recitata da Borges e da tutti gli altri.
Rosario Mastroleo

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : venerdì, 19 giugno 2009 15:38:25
Messaggio : I Savoia e il massacro del Sud Tratto dal libro " I Savoia e il massacro del Sud" di Antonio Ciano - Edizione Grandmelò Roma, 1996

Le finanze del Regno delle Due Sicilie nel 1860 costituirono un bottino enorme per i piemontesi ed i mercenari garibaldini al soldo inglese.

Vittorio Gleijeses nella sua Storia di Napoli scrive: "... il tesoro del Regno delle Due Sicilie rinsanguò le finanze del nuovo stato, mentre l'unificazione gravò sensibilmente la situazione dell'Italia meridionale, in quanto il Piemonte e la Toscana erano indebitate sino ai capelli ed il regno sardo era in pieno fallimento. L'ex Regno delle Due Sicilie, quindi, sanò il passivo di centinaia di milioni di lire del debito pubblico della nuova Italia e, per tutta ricompensa, il meridione, oppresso dal severissimo sistema fiscale savoiardo, fu declassato quasi a livello di colonia. Con l'unificazione, a Napoli, aumentarono le imposte e le tasse, mentre i piemontesi videro ridotti i loro imponibili e col denaro rubato al Sud poterono incrementare le loro industrie ed il loro commercio "


Ferdinando Ritter ha scritto che: "... il Regno delle Due Sicilie contribuì alla formazione dell' erario nazionale, dopo l'unificazione d'Italia, nella misura di ben 443 milioni di lire in oro, mentre il Piemonte, la Liguria e la Sardegna ne corrisposero 27, la Lombardia 8,1, il Veneto 12,7, il Ducato di Modena 0,4, Parma e Piacenza 1,2, la Romagna, le Marche e l'Umbria 55,3; la Toscana 84,2; Roma 35,3...".
Rosario Mastroleo

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : venerdì, 19 giugno 2009 15:36:16
Messaggio : I Savoia e il massacro del Sud Tratto dal libro " I Savoia e il massacro del Sud" di Antonio Ciano - Edizione Grandmelò Roma, 1996

Francesco II, partendo da Gaeta il 14 febbraio 1861, disse al comandante Vincenzo Criscuolo: «Vincenzino, i napoletani non hanno voluto giudicarmi a ragion veduta; io però ho la coscienza di avere fatto sempre il mio dovere, Il Nord non lascerà ai meridionali neppure gli occhi per piangere".
Rosario Mastroleo

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : venerdì, 19 giugno 2009 15:33:52
Messaggio : I Savoia e il massacro del Sud Tratto dal libro " I Savoia e il massacro del Sud" di Antonio Ciano - Edizione Grandmelò Roma, 1996

Storia del territorio: Lo stato italiano (leggasi piemontese) è stato una dittatura feroce che ha messo a ferro e fuoco l'italia meridionale e le isole uccidendo, crocifiggendo, squartando vivi i contadini poveri che gli scrittori salariati tentarono di infamare col marchio di briganti (Antonio Gramsci)
Rosario Mastroleo

IP: xxx.xxx.xxx.xxx

Scritto da : venerdì, 19 giugno 2009 15:25:50
Messaggio : Il 1° febbraio, nei boschi di Lagopesole, due compagnie di bersaglieri e fanti assaltarono i patrioti di Ninco-Nanco e Coppa, uccidendone 11 e catturando una donna. Proprio in quel giorno il turpe Liborio Romano, quale deputato, propose nel parlamento piemontese di vendere tutti i beni demaniali e degli istituti di beneficenza delle Due Sicilie a prezzo minore del valore reale, a rate fino a 26 anni, pagabile con titoli di Stato al 5%.

Antonio Pagano
Direttore della rivista Due Sicilie
numero 1, anno 2003.
Pagina 21 di 34

Pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

 
 
Homepage
Libro degli ospiti | Contattaci | Template       
Area riservata